Disordini alimentari: istruzione fattore di rischio

Analizzando un campione di 13mila ragazze, in un periodo di tempo compreso tra il 1952 e il 1989, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di istruzione, personale e della famiglia da cui si proviene, sono spesso proporzionali al rischio di "incappare" in disordini alimentari. Secondo gli studiosi, ciò si spiegherebbe con le maggiori pressioni psicologiche cui le ragazze vengono sottoposte dalla famiglia e con la continua ricerca di risultati che, dallo studio, si sposta sul controllo del peso.Ulteriori indagini serviranno ad approfondire questo legame tra disordini alimentari e istruzione, in un settore di studio, spiegano i dottori, ancora avvolto da grandi misteri.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Disordini alimentari: istruzione fattore di rischio