Disturbi del sonno: provate a dormire separati

Non si tratta però di un invito a dormire in stanze separate, sottolinea Stanley, ma di una possibile soluzione ad eventuali problemi già riscontrati.Il medico britannico ha tenuto poi a precisare che l’abitudine di condividere il letto è relativamente recente e dovuta, almeno all’inizio, a motivi contingenti.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Disturbi del sonno: provate a dormire separati