Donne: per 4 su 10 è ancora coito interrotto

Il sondaggio, realizzato sul sito Sceglitu.it, fa parte del programma d’informazione e sensibilizzazione promosso dalla Società Italiana di Ostetricia e Ginecologia (SIGO) che, per voce della prof. Alessandra Graziottin, commenta: "Dati significativi che ci devono far riflettere. Il dato che più colpisce è l’estrema non coerenza d’uso degli anticoncezionali che caratterizza la donna italiana. Nell’età che varia dai 25 ai 35 anni, sceglie con maggiore consapevolezza. Poi tende ad un atteggiamento più passivo, fatalista e comunque non da protagonista". "Certamente – aggiunge la prof. Graziottin – la donna italiana è cresciuta nella sua capacità di scegliere, tuttavia emerge ancora una sua grande vulnerabilità: l’uso dei metodi contraccettivi è determinato dall’umore, dall’emozione, dal sentimento. La qualità della relazione fa sì che un metodo ad elevata sicurezza contraccettiva, come la pillola, o un metodo con una minore sicurezza contraccettiva ma con un’elevata protezione dalle malattie sessualmente trasmesse, come il profilattico, vengano usati episodicamente".Dal sondaggio è, inoltre, emerso anche l’identikit del ginecologo ideale. Per il 70,1% delle persone che hanno partecipato espresso la propria opinione, questo deve essere un medico-consulente, capace di ascoltare tanto il corpo quanto la mente delle donne, in grado di mettere a proprio agio; per il 61% non deve essere solo un esperto, ma anche abile nel comunicare nel modo migliore con ogni paziente, tranquillizzando con spiegazioni precise e esaurienti; per quasi il 40% deve occuparsi non solo di contraccezione ma anche di sessualità. Secondo quanto illustrato dal Prof. Emilio Arisi, ben un terzo delle internaute esprime preferenza per un ginecologo donna, anche se ciò non rappresenta un fattore primario di scelta.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Donne: per 4 su 10 è ancora coito interrotto