Duke University: l’invisibilità con un mantello

Lo studio ha dimostrato, in pratica, quanto sostenuto da Graeme Milton (Università dello Utah) e Nicolae-Alexandru Nicorovici (Sydney University of Technology), autori di uno studio apparso pochi mesi fa sui Proceedings of the Royal Society. Il mantello testato da David Smith alla Duke University si compone però di dieci anelli in fibra di vetro, contornati da parti elettroniche in rame.Ciò permette allo strumento di "nascondere" parzialmente l’oggetto, donandogli un’impressione di invisibilità. Ulteriori studi cercheranno ora di affinare le caratteristiche del mantello, magari rendendolo totalmente invisibile e… indossabile.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Duke University: l’invisibilità con un mantello