Ecstasy: problemi di memoria per gli habituè

Ad affermarlo è stato lo scienziato australiano Rod Irvine, farmacologo dell’Università di Adelaide, autore di una ricerca, presentata ad un importante congresso su ricerca e salute, che ha preso in esame i dati raccolti tra numerosi habitué australiani di rave party. Questi ultimi, lo ricordiamo, sono appuntamenti di carattere musicale, spesso però illegali e che solitamente hanno luogo all’interno di aree industriali abbandonate per la durata di uno o più giorni.Per giungere alle conclusioni sugli effetti dannosi dell’ecstasy a lungo termine, Irvine ha utilizzato i topi di laboratorio che, secondo quanto affermato dallo studioso, si sarebbero rivelati un paragone estremamente affidabile in termini di reazioni fisiologiche alla droga.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Ecstasy: problemi di memoria per gli habituè