Espad: cresce l’uso di psicofarmaci tra i giovani

Al quarto posto tra i 35 Paesi presi in esame – dietro Polonia, Lituania e Francia-Monaco -, l’Italia fa registrare un netto aumento rispetto al passato, con cifre che riconducono alla situazione di metà anni ’90, quando la sensibilità sul tema era minore.Insieme all’assunzione di tranquillanti e sedativi, spesso senza la prescrizione del medico, si segnala un aumento dell’accoppiata psicofarmaci-alcolici a scopo di "divertimento", una cattiva abitudine dichiarata dal 4% degli intervistati. Sempre dall’indagine Espad emerge poi la diminuzione del numero di giovani fumatori (- 4%), la stabilità dei bevitori abituali e dei consumatori di droghe, la crescita dei bevitori occasionali, soprattutto tra le ragazze.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Espad: cresce l’uso di psicofarmaci tra i giovani