Esperanto: 150 anni dalla nascità dell’ideatore

Già, avrebbe dovuto, in quanto la lingua ausiliaria internazionale ideata dal Doktoro Esperanto (pseudonimo di Zamenhof) tra 1872 e il 1887 pur essendo la più utilizzata non ha mai raggiunto la diffusione sperata dal suo creatore.L’Esperanto, da "colui che spera", è stato presentato nel "Primo Libro" (Unua Libro) a Varsavia nel 1987 con la descrizione di "Lingvo Internacia", ovvero lingua internazionale. Tra le caratteristiche dell’Esperanto, gli esperti parlano di una lingua semplice da imparare e molto simile, per espressività, a quelle etniche. Tra i principali meriti di Zamenhof c’è quello di aver pensato ad una lingua per tutti, in grado di facilitare le forme di comunicazione, comprensione e, in prospettiva, la pace tra i popoli.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Esperanto: 150 anni dalla nascità dell’ideatore