Esposto contro pornografia online

Si legge nella nota: “Foto, screen saver, inviti alla visione di filmati hard. Solo raramente si possono leggere avvisi che consigliano la visione ai soli adulti. Non c’e’ nulla che faccia presumere meccanismi di sicurezza a tutela dei minori”. A parte il problema relativo ai minori, si aggiungono poi le caratteristiche “subdole” di questi meccanismi, come sottolinea ancora l’associazione: “Si tratta di immagini fastidiose, snervanti. Impossibile rimuoverle, compaiono automaticamente, si moltiplicano e ti costringono a spegnere il Pc”. Sempre Codici riporta poi il caso di siti dedicati ai giovani e alla musica, dove si possono trovare foto ad alto contenuto erotico, in un contesto non indicato per l’età degli utenti e per i temi che dovrebbero essere trattati. Sempre il Centro per i diritti dei cittadini rincara poi la dose affermando: “Non c’e rispetto per i giovani, ma anche per le donne e per gli omosessuali. Ci sorprende inoltre il cattivo gusto e la speculazione nei confronti del mondo giovanile. Troppo spesso si hanno notizie di cronaca che informano su stupri e violenze attuati da adolescenti nei confronti dei loro coetanei. Se l’esempio delle loro gesta proviene da internet – osserva Codici – c’e’ da aspettarsi vergognosamente di peggio”. In attesa di una risposta da parte delle autorità competenti, sarebbe auspicabile una regolamentazione più severa per quel che riguarda la gestione dei contenuti vietati ai minori e per i “trucchetti software”, capaci di infestare i Pc con immagini indesiderate.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Esposto contro pornografia online