EURid: stretta finale per il .eu

Oltre duecento milioni di potenziali utenti per quello che già rappresenta il simbolo identificativo dell’Ue in Rete e che si aggiunge ai celebri suffissi ".com", ".it" o ".net". Tempi, modi e procedure di registrazione del nuovo dominio saranno illustrate a Pisa nella sede dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr il 21 ottobre prossimo in occasione dell’Eurid Roadshow, in programma dalle 9,00 alle 16,30, dove gli esperti del consorzio saranno a disposizione di utenti, stampa e registrar per chiarire i dettagli tecnici del nuovo dominio. Per chi non lo sapesse, quella del 7 dicembre è la data di inizio del cosiddetto "sunrise period", ovvero, il sistema di registrazione per fasi che da dicembre alla primavera prossima accompagnerà il lancio del suffisso Internet più atteso d’Europa. Tantissime le richieste di domini “.eu” già pervenute ai registrar accreditati che, ad oggi, sono complessivamente 469, in rappresentanza di 38 paesi diversi. La compagine più folta è quella dell’Olanda (86), seguita da Germania (68), Italia (38), Belgio (36) e Francia (28). Dal 7 dicembre al 6 febbraio 2006 solo enti pubblici, organismi governativi e titolari di marchi registrati potranno candidarsi alla registrazione di un dominio ".eu", mentre nella seconda fase, dal 7 febbraio al 6 aprile 2006, ci sarà spazio anche per i titolari di altri diritti considerati prioritari e protetti dalle leggi nazionali dei singoli stati. Infine, dal 7 aprile, l’apertura totale delle registrazioni: chiunque, con il solo limite della maggiore età e della residenza in uno degli stati membri Ue, potrà registrare un numero illimitato di domini ".eu". I suffissi ".eu" verranno assegnati secondo la legge del "first come first served" (il primo arrivato ha diritto di priorità) e, a regime, per ogni dominio registrato Eurid addebiterà al registrar l’importo di 10 euro. Diverso il costo per l’utente… ma questo lo si sapeva già.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > EURid: stretta finale per il .eu