F1. Nel 2008 un nuovo campionato

BMW, Mercedes,
Ferrari e Renault hanno infatti ufficializzato
gli accordi per organizzare un proprio campionato per vetture a ruote scoperte.
Nel comunicato diramato dal GPWC si legge che  le società “International
Sports” e “Entertainment AG” cominceranno immediatamente a lavorare su una struttura operativa e commerciale per un nuovo campionato mondiale, che partirà non più tardi del
2008. Un nuovo Mondiale quindi, in grado di risolvere definitivamente i sempre
più frequenti conflitti tra team, proprietari dei circuiti e organizzatori. Una
frattura, quella con Bernie Ecclestone, già ampiamente annunciata ma che ora
sembra assumere dei toni definitivi. Una delle cause maggiori del malcontento
dei costruttori è senza dubbio la ripartizione dei diritti televisivi e commerciali della Formula
1, attualmente detenuti dalla Slec, società creata dal patron Ecclestone. Un
tentativo di accordo risale allo scorso anno quando, con una lettera di intenti,
si annunciava una riorganizzazione nella gestione degli introiti del grande
“circus”. Accordi che in alcuni punti chiave non sarebbero stati
rispettati, causando la drastica rottura tra costruttori e organizzazione.
“Siamo stati più che pazienti con l’attuale management della Formula Uno, ma i recenti sviluppi hanno evidenziato la
necessità di una nuova struttura che garantisca stabilità e un futuro prosperoso a questo
sport” dichiara nella nota Juergen Hubbert, presidente del GPWC. Il rischio
di questa operazione è però concreto. Con due campionati differenti e in
concorrenza si rischia di ripetere l’esperienza statunitense delle categorie Irl e
Cart, nate dalla scissione di un campionato unico e penalizzate entrambe da
questa scelta.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > F1. Nel 2008 un nuovo campionato