Fao: livelli record per la fame nel mondo

Secondo quanto spiegato dalal Fao, questo recente aumento della fame a livello mondiale non è la conseguenza di raccolti non soddisfacenti, ma della crisi economica mondiale che ha ridotto i redditi e aumentato la disoccupazione. Il che ha ulteriormente ridotto le possibilità di accesso al cibo per i poveri, afferma l’agenzia delle Nazioni Unite."La pericolosa combinazione della recessione economica mondiale e dei persistenti alti prezzi dei beni alimentari in molti paesi ha portato circa 100 milioni di persone in più rispetto all’anno scorso oltre la soglia della denutrizione e della povertà croniche – ha detto il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf -. Questa silenziosa crisi alimentare – che colpisce un sesto dell’intera popolazione mondiale – costituisce un serio rischio per la pace e la sicurezza nel mondo. Abbiamo urgentemente bisogno di creare un largo consenso riguardo al totale e rapido sradicamento della fame nel mondo, ed intraprendere le azioni necessarie ad ottenerlo".La crisi economica, inoltre, viene a seguito della crisi alimentare ed energetica del 2006-08. Mentre i prezzi alimentari sui mercati internazionali sono diminuti nel corso degli ultimi mesi, i prezzi interni nei paesi in via di sviluppo sono scesi assai più lentamente. Essi sono rimasti più alti in media del 24% in termini reali alla fine del 2008 rispetto al 2006. Per i consumatori poveri, che spendono fino al 60% del loro reddito in beni di prima necesità, ciò implica una notevole riduzione nel loro effettivo potere d’acquisto. E’ inoltre da notare che i prezzi dei generi alimentari di base, sebbene siano diminuiti, restano ancora più alti del 24% rispetto al 2006, e del 33% rispetto al 2005.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Fao: livelli record per la fame nel mondo