Farmaci di fascia A: prezzi alti in Italia

La ricerca svolta dall’associazione di consumatori evidenzia infatti come in Italia, seppur con un prezzo più conveniente all’origine, al momento della vendita i farmaci risultino più cari che in Gran Bretagna, Francia, Olanda, Portogallo, Spagna e Belgio. Tutto ciò alla luce dei dati in crescita sulla spesa dei farmaci nel Belpaese: più 10,8% nei primi sei mesi del 2006, rispetto allo stesso periodo del 2005. L’importanza di questi dati deriva dal fatto che gli stessi si riferiscono ai prezzi dei farmaci di fascia A, quelli rimborsati dal Servizio sanitario nazionale.Solo nel 2005, infatti, in Italia ogni consumatore ha acquistato 28 confezioni di farmaci: di queste 15, oltre la metà, erano a carico del Ssn. In base a quanto emerso dall’inchiesta, Altroconsumo sottolinea come il Servizio sanitario riesca ad ottenere buoni prezzi con i produttori, perdendo però dalle quote spettanti a grossisti e farmacisti. Quello che l’associazione auspica è quindi il miglioramento dell’efficienza della distribuzione. Per farlo, Altroconsumo chiede che sia avviato un confronto tra le parti affinché il Servizio sanitario nazionale realizzi risparmi che l’esperienza europea ha dimostrato essere possibili.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Farmaci di fascia A: prezzi alti in Italia