Ferrari FXX, un’evoluzione da 860 CV

I prototipi FXX aggiornati con questo pacchetto evoluzione sono riconoscibili già dalla livrea, più accattivante, così come da un diverso profilo delle ali posteriori. Ma gli interventi non riguardano solamente l’area dell’aerodinamica, ma anche quelle della meccanica e dell’elettronica. Un lavoro di sviluppo basato sulle indicazioni ottenute nel corso di 14 sessioni collettive e altrettante private, per un totale di oltre 16.500 chilometri di test effettuati nel 2006 e 18.500 nel 2007. Va infatti ricordato che l’utilizzo della FXX è riservato ad un selezionato gruppo composto da oltre venti "Clienti Collaudatori".

Anche grazie a Michael Schumacher, i tecnici di Maranello hanno quindi potuto sfruttare questo patrimonio di informazioni per mettere a punto un kit di aggiornamento, che permette di abbassare il tempo di percorrenza sul giro a Fiorano a meno di 1’16", contro 1’18" della versione precedente. Il motore V12 di 6262 cm3 è ora in grado di erogare 860 CV a 9500 giri/m con una cambiata che avviene in un tempo di 60 ms. (valore inferiore di 20 ms. rispetto al precedente), con rapporti adeguati ai 1000 giri/m in più offerti dal propulsore.

Il nuovo sistema di traction control, sviluppato in stretta collaborazione con gli ingegneri della Gestione Sportiva, permette al pilota di scegliere tra 9 diverse impostazioni (più la posizione off) gestibili da un manettino posizionato sul tunnel centrale. Inoltre, le specifiche coperture Bridgestone da 19" traggono ulteriori benefici in termini di consumo dall’introduzione di un nuovo set up della vettura e di una sospensione anteriore ulteriormente sviluppata. Infine l’impianto frenante Brembo, dotato di dischi di generose dimensioni in Composite Ceramic Material, che si presenta ora più efficiente e in grado di assicurare un durata doppia delle pastiglie.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Ferrari FXX, un’evoluzione da 860 CV