Fertilità: più sesso, più qualità del seme

Ad influenzare le capacità produttive maschili non sarebbero quindi solo la dieta, lo stato di obesità e cibi come la soia (per via degli isoflavoni), ma anche la regolarità dell’attività sessuale che si svolge. Fino ad oggi, infatti, erano in molti a ritenere che l’astenersi dall’eiaculazione per qualche giorno potesse giovare alla conta degli spermatozoi. Non bisogna però sottovalutare, secondo gli esperti, il legame tra un maggiore periodo di astinenza e più elevati danni al DNA dello sperma a causati dall’esposizione all’ossigeno.Lo studio australiano, diretto da David Greening, ha infatti determinato che un’eiaculazione giornaliera può ridurre in media del 12% la frammentazione nel DNA dello sperma. A tale conclusione si è arrivati attraverso l’analisi di un campione di 42 pazienti con un anormale "sperm chromatin structure assay" (SCSA). Se è vero quindi che una breve astinenza può favorire una maggiore conta degli spermatozoi, appere però altrettanto vero che una maggiore attività sessuale possa aiutare a migliorare la qualità dello sperma negli uomini che presentano un alto tasso di danno al DNA.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Fertilità: più sesso, più qualità del seme