Furto di dati per 45mln di carte di credito

Sembra che le indagini abbiano portato all’incriminazione di sei persone negli Stati Uniti per l’utilizzo fraudolento dei dati trafugati. Carol Meyrowitz, chief executive officer dichiara scusandosi, che la società sta lavorando con alcune compagnie di sicurezza informatica per capire come sia accaduto e che si sta investendo per impedire che ricapiti.La catena, che conta circa 2.500 punti vendita tra Gb e Nord America, ha pubblicato un allert rivolto ai consumatori sul suo portale internet.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Furto di dati per 45mln di carte di credito