Gatto felice con il Gattalogo di Giorgio Celli

Il numero di gatti nelle nostre case, inoltre, cresce a ritmo vorticoso, tanto che Eurispes ha constatato la presenza di ben 7,5 milioni di gatti che popolano le mura domestiche degli italiani, due milioni in più solo negli ultimi cinque anni. Per evitare che i nostri gatti diventino troppo "viziati" e, er questo motivo, la loro salute venga messa a repentaglio, Iams e l’etologo Giorgio Celli hano stilato un "gattalogo", un vero e proprio prontuario per il benessere del gatto. Temi centrali di questa utile guida alla salute del micio sono: una dieta equilibrata, personalizzazione della casa e tanto, tanto affetto disinteressato. Ecco, di seguito, il decalogo stilato secondo le dieci categorie che rappresentano in generale il micio.1) Il gatto mangione. Stiamo assistendo a una trasformazione genetica. Il micio, a tavola, si sta trasformando in un animale amante di abbuffate onnivore, quasi fosse un cane. La conseguenza: sempre più i gatti a rischio obesità, come già accade nei paesi anglosassoni dove sono nate beauty farm per gli animali domestici. Una specie di borsa sotto la pancia è indice che è ora di mettersi a dieta, come spiega il Professor Celli: Ricordiamoci che il gatto è un predatore esclusivo. Una dieta equilibrata, mirata soprattutto sulle proteine animali, è il suo menu ideale. Il pasto è anche un momento di scambio tra gatto e padrone, che può essere sfruttato per rafforzare la relazione, godendosi coccole e fusa.2) Il gatto acrobata. E’ insito nel suo DNA: basta una ringhiera o un tetto in pendenza e il vostro gatto vi ci salterà con grande nonchalance. A rischio della sua incolumità e dei vostri nervi. Guardatevi bene dall’urlargli dietro – spiega Celli – perché il gatto, preso di sorpresa, potrebbe mettere uno zampino in fallo . Attenzione a lasciare le finestre aperte quando non siete in casa, non si sa mai in quali perigliose avventure potrebbe addentrarsi. Piuttosto, specie se l’appartamento è piccolo, fate in modo che possa arrampicarsi agevolmente sui pensili per osservare il mondo dall’alto, oppure lasciate aperta una scala pieghevole: sarà entusiasta della novità e sfogherà le sue energie salendo e scendendo di corsa ripetutamente, per poi accoccolarsi sul gradino più alto, da cui dominerà il suo mondo domestico.3) Il gatto predatore. Alzi la mano chi, con orrore, ha dovuto raccogliere dallo zerbino un povero uccellino spaventato o una lucertola dalla coda mozzata. Sbagliato prendere a male parole il nostro gatto. L’istinto della caccia è l’ultimo simulacro di quel cordone ombelicale che lo lega al suo passato di predatore. Troppo abituato a trovare la ciotola piena di cibo, il nostro gatto va invece esortato a non dimenticare questa sua caratteristica atavica che, da una parte, lo aiuta a essere indipendente e dall’altra non altera quell’alone di mistero che lo rende unico e così affascinante.4) Il gatto intruso: succede che il gatto, d’improvviso, si metta a marcare l’appartamento con spruzzi d’urina. Cos’è successo? E’ forse impazzito? La causa è di una esemplare semplicità spiega Celli: è subentrato un nuovo gattino, magari raccolto per strada. Il risultato? Il gatto firma con l’urina i confini della sua proprietà. La soluzione: valutare bene il carattere del proprio gatto prima di affiancargli un compagno che potrebbe non essere gradito, e se proprio la convivenza risulta impossibile, inviare il nuovo ospite da qualche amico. Meglio non il nostro, perché dopo tutto, i vecchi amici sono sempre i migliori.5) Il gatto melomane. Debussy o Ravel? Non è uno scherzo. I gatti amano spesso la musica, meglio se classica. Tant’è che radio e tv diventano un antidoto alla solitudine, se proprio dovete lasciarli soli! Dopo tutto, un po’ di musicoterapia serve a preparare psicologicamente i simpatici miciotti che la sera saranno chiamati ad alleviare con le loro fusa il vostro stress quotidiano.6) Il gatto d’appartamento. Gli esercizi ludici servono agli animali per addestrarsi alla vita. Il bravo padrone – ricorda Celli – ha il dovere di offrire ai suoi mici delle possibilità di giocare con una pallina o un topolino meccanico . Per il padrone di un gatto d’appartamento il gioco diventa un dovere morale: animate ludicamente il vostro rientro, magari giocando a nascondino. Impazzirà nel tendervi agguati e farsi rincorrere per tutta casa! 7)Il gatto panettiere. Un rumore di fusa, le zampine che ritmicamente si muovono sulla vostra pancia ed ecco che il micio inizia a fare il pane. Un gesto antico, che il micino impara prestissimo e che mette in opera sulla pancia della mamma, per favorire la produzione di latte e rafforzare il legame. Ora tocca al padrone assumere idealmente quel ruolo, occupandosi del nutrimento e della pulizia del cucciolotto ormai cresciuto, che testimonia questa identificazione attraverso il gesto del pane . Ricordiamoci però di non esagerare, stiamo parlando pur sempre di un felino e non di un essere umano.8) Il gatto terapeuta. E’ stato supposto che le fusa promuovano nei nostri mici la secrezione spontanea di endorfine, che sono delle molecole di origine organica destinate ad attenuare il dolore o a sedare lo stress spiega Celli. E la sensazione di benessere del vostro gatto contagerà anche voi, come un tranquillante che ha il vantaggio di non avere effetti collaterali. Concedetevi dunque ogni giorno una bella seduta di coccole, sempre dietro il benestare del vostro gatto. Ne trarrete beneficio voi, la vostra famiglia e perfino i colleghi di lavoro!9) Il gatto magico. Immaginatevi un gatto nero che vi osservi dall’angolo in penombra di un cortile: i suoi occhi sembrano quelli di una creatura incorporea, si potrebbe congetturare che siano due oblò aperti sulle fiamme dell’inferno. Così Celli dipinge poeticamente una delle caratteristiche del gatto che più incutono timore. Come facilitare il contatto tra il micio e un vostro amico o parente che vuole tenersi a distanza? Allergie a parte, lasciare che il vostro gatto lo studi, avvicinandosi pian piano, con discrezione, e annusandolo. E fate osservare all’amico la sua eleganza nei movimenti, che non può che suscitare ammirazione in chi ha un minimo di sensibilità estetica.10) Il gatto utile: 500 ratti consumano e inquinano in un anno 200 tonnellate di cibo. Ed è proprio il gatto il loro peggior nemico in natura, nostro alleato da secoli nella caccia al topo. Anche i gatti randagi hanno una loro utilità, anzi, secondo Giorgio Celli il gatto avrebbe suscitato l’interesse dell’uomo per ragioni utilitarie, in parole povere, per dar vita a uno dei primi esperimenti di lotta biologica . Se amate i gatti, aiutate anche loro: basta una ciotola piena di cibo, magari quello avanzato dal vostro gattone ben nutrito, per sfamare una colonia.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Gatto felice con il Gattalogo di Giorgio Celli