Gelosia, diversa per uomo e donna

La ricerca, condotta in tre fasi su un gruppo di volontari (in numero tra 121 e 206), ha quindi evidenziato una differenza tra donna e uomo per le cause che innescano il sentimento di gelosia. Il dottor Achim Schuetzwohl ha così motivato la scoperta: “Questo si spiega col fatto che il successo di riproduzione della donna non viene compromesso dall’infedeltà sessuale dell’uomo” ed ha poi aggiunto, “Per una donna i tradimenti sessuali dell’uomo possono essere quasi indifferenti. Se invece si allontana dalla sua compagna, col suo affetto e la cura dei figli, questo poteva significare già in epoca antica la morte della donna e del bambino”. Alla base delle gelosia femminile esisterebbe quindi un retaggio di tipo psicologico, fatto di meccanismi di paura inconsapevoli che sopravvivono con il passare delle generazioni e con il mutare della società. Differente è il discorso per l’uomo, come sottolinea Schuetzwohl, qui l’importanza della fedeltà si sposta nel campo dell’evoluzione, “egli non può essere sicuro che i figli siano i suoi: dovrebbe temere di avere investito energia in una procreazione che non è la sua”. In una delle fasi dell’esperimento, condotto da Schuetzwohl e dalla sua equipe, ai soggetti veniva richiesto di reagire alle diverse varianti di infedeltà: è emerso che le donne raggiungevano la soglia di “insopportabile” solo al segnale di infedeltà emotiva, mentre per gli uomini l’apice era rappresentato dall’infedeltà sessuale. Al prossimo litigio con la nostra lei, o con il nostro lui, sapremo a chi dare la colpa… all’evoluzione umana.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Gelosia, diversa per uomo e donna