Gene Gnocchi sulle orme di Artù

La ricetta di Artù appare semplice ma gustosa: una scenografia alla "Tribuna politica" di Jacobelli, una tavola rotonda con cinque ospiti non necessariamente famosi, un parterre di pubblico con libertà d’intervento, un tema di stridente attualità e quindici minuti per parlarne. Poi si ricomincia con un altro tema e altri cinque ospiti, per un totale di 70 minuti.

Gli autori promettono che sarà tutto a vista, senza rete, governato dalla notizia e dall’assurdo. Si parte da schede introduttive rigorosamente vere per arrivare a sondaggi verosimili ma totalmente infondati, passando attraverso false testimonianze e veri scoop. L’obiettivo è comunque quello di arrivare a una conclusione, quale essa sia. Insomma, come si legge sulla presentazione di Artù: "Giocare, ma sul serio. Fare sul serio, da imbecilli. Cioè portare all’estremo la filosofia di clownerie in giacca e cravatta che Gene Gnocchi persegue da anni".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Gene Gnocchi sulle orme di Artù