Genova: Lucio Fontana luce e colore

Colore e luce sono infatti gli strumenti con cui l’artista ha da sempre espresso la propria poetica spaziale. E proprio dalla ricerca sullo spazio perseguita da Fontana nasce l’invenzione del monocromo nell’arte concettuale, anticipando di dieci anni quella che normalmente viene attribuita a Yves Klein nel 1958.La opere sono state scelte attraverso tre criteri, la luce, il colore, gli ambienti, e allestite secondo le differenti varianti monocrome. La scelta di raccogliere secondo il colore, appunto monocromo, e allestire i vari tipi di linguaggi, come i "tagli", le costellazioni di "buchi", la matericità delle "pietre" e dei "barocchi", la poetica segnica degli "olii" e delle "Fine di Dio", così come la precisione delle "ellissi", ecc., in un percorso unitario e comparativo, permette di evidenziare l’essenzialità del procedimento gestuale di Fontana e la sua origine concettuale.A partire dagli anni Cinquanta si aggiunge poi nelle varie opere un impiego "spaziale" della luce, che rivela nuove forme plastiche e "ambienti spaziali" elaborati attraverso proiezioni di immagini luminose. L’utilizzo di tubi al neon o il sofisticato effetto della luce di Wood danno vita ad alcune delle prime installazioni della storia dell’arte, anticipatorie delle successive ricerche degli anni Cinquanta e Sessanta.In mostra vengono anche presentati numerosi lavori in ceramica per sottolineare il rapporto particolare dell’artista con il territorio ligure, in particolare con la città di Albissola, in cui Fontana ha soggiornato e lavorato per diverso tempo. Per l’occasione viene ricomposto il celebre acquario e la foresta in ceramica colorata, entrambi per esprimere visivamente l’evoluzione del concetto di scultura spaziale, in cui pittura, colore, luci e animali si fondono in una dimensione cosmica unitaria.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Genova: Lucio Fontana luce e colore