Giocattoli: occhio alla sicurezza

Per regalare un giocattolo divertente e soprattutto sicuro, ecco cosa occorre controllare: la marcatura CE (Conformità Europea); il nome del fabbricante o dell’importatore; l’indicazione dell’età del bambino; le avvertenze per l’utilizzo. Purtroppo, sottolinea l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, il marchio comunitario "CE" non è in grado di garantire la completa tutela dei consumatori. "La marcatura è apposta sui giocattoli dai produttori o dagli importatori – evidenzia Primo Mastrantoni, segretario Aduc – e dovrebbe certificare la rispondenza alle norme di sicurezza europea, ma gli stessi non sono tenuti alla verifica e non sono responsabili in caso di incidenti." La questione sollevata dall’ADUC è che la stragrande maggioranza dei giocattoli proviene dai Paesi asiatici (Cina in particolare) dove "la garanzia del rispetto delle norme europee lascia piuttosto a desiderare". La soluzione, sempre secondo l’Associazione, sarebbe un’intervento diretto del Ministero delle Attività Produttive, ma in Italia esistono anche organismi privati che effettuano test e rilasciano il relativo attestato: l’Istituto per il marchio di qualità (IMQ) per i giocattoli elettrici e l’Istituto italiano sicurezza
giocattoli, che esegue controlli. Purtroppo, evidenzia Mastrantoni, "sottoporsi ai controlli degli Istituti non è obbligatorio perciò al consumatore, che paga salato un giocattolo per i propri figli, consigliamo di rimboccarsi le maniche e fare test autonomi, verificando la tenuta delle cuciture, dei bottoni, degli occhi e del tessuto".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Giocattoli: occhio alla sicurezza