Google Mars: alla scoperta del Pianeta Rosso

Se per i marziani non sono ancora stati segnalati avvistamenti, per quanto riguarda crateri, dune, montagne, canyon e pianure, Marte non ha davvero più segreti. Allo sviluppo di Google Mars hanno collaborato i ricercatori dell’agenzia spaziale americana, con la Nasa che ha fornito le immagini e i dati ricavati attraverso i satelliti e le sonde che negli anni hanno scrutato la superficie di Marte. Il sito offre numerose possibilità di navigazione del territorio marziano, sia per quanto riguarda l’individuazione delle zone più interessanti, sia per la possibilità di personalizzare il metodo di visualizzazione. L’utente può infatti "aggirarsi" tra canyon, dune e montagne non solo utilizzando le immagini dei satelliti (visible), ma anche guardando il territorio con colorazioni collegate all’altitudine (elevation) o attraverso gli infrarossi (infrared). Alcune zone, contraddistinte dalla presenza di "puntine", offrono inoltre dei collegamenti ad informazioni dedicate a Marte, relativi alle più importanti scoperte o alle segnalazioni dei punti d’ atterraggio delle sonde. Segnaliamo, infine, che nella GooglePlex sono già al lavoro per la mappatura tridimensionale del Pianeta Rosso, una soluzione che potrà offrire la possibilità di effettuare delle vere e proprie "passeggiate" virtuali nella superficie di Marte.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Google Mars: alla scoperta del Pianeta Rosso