Google: problemi legali e… di immagine

Per quanto riguarda il caso italiano, il pm di Milano ha motivato l’accusa nei confronti di quelli che al tempo dei fatti (2006) erano dirigenti di Google Italia affermando, in riferimento a "Google Video", che Google avrebbe dovuto "lanciare un sevizio responsabile, che non può calpestare i diritti fondamentali".Passando al caso di Michelle Obama, a fare scalpore è stata invece un’immagine che ritraeva la stessa prima donna USA in una sorta di morphing con una scimmia. La foto, chiaramente razzista, era finita ai primi posti della ricerca per immagini di Google sollevando aspre critiche da più parti, Casa Bianca compresa. Dopo un iniziale tentativo di rimozione da parte di Google, la foto è tornata misteriosamente online, ma stavolta l’azienda di Mountain View, che continuerà comunque a bloccare l’immagine, si è premunita aggiungendo alcune nuove righe al proprio disclaimer. Basterà?

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Google: problemi legali e… di immagine