Happy Feet: la storia del pinguino ballerino

Mambo, infatti, è stonato come una campana, ma non manca certo di qualità: è un provetto ballerino di tip-tap. Purtroppo per lui, però, nessun pinguino può entrare a far parte della società se non trova la sua “canzone del cuore” e le grandi qualità da ballerino di Mambo non fanno che insospettire e indispettire gli anziani. Come se ciò non bastasse, quando sopraggiunge un periodo di carestia di cibo, il piccolo Mambo è tra i primi ad essere cacciato. Quella che, a prima vesta, potrebbe sembrare una fine segnata, si rivelerà però l’inizio di una nuova vita.Il nostro amico parte, infatti, per un lungo e avventuroso viaggio dove troverà dei nuovi amici, scoprirà le ragioni della carestia e tornato in patria, conquisterà il suo posto nella società e nel cuore dell’amata Gloria. La svolta è proprio nel suo talento, ovvero quella danza che lo aveva portato ad essere allontanato dal gruppo. Diretto e sceneggiato da George Miller, “Happy Feet” si avvale nella versione in lingua originale di doppiatori del calibro di Robin Williams, Nicole Kidman, Elijah Wood e Hugh Jackman , oltre che della preziosa opera dell’affermato compositore John Powell nella scelta della parte musicale. Il risultato è un film gradevole, per immagini, storia e colonna sonora, che da venerdì 1 dicembre ricorderà a tutti gli spettatori di essere entrati in pieno clima natalizio.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Happy Feet: la storia del pinguino ballerino