I diversi strumenti finanziari per integrare la pensione

pensione_jugo.it

L’INPS fornisce ad ogni iscritto alla gestione previdenziale obbligatoria un conto fornito on line ( digitando il pin comunicato dall’Istituto) che comprende tutti i versamenti effettuati dei contributi che, sommati ad altri parametri, daranno l’ammontare della nostra pensione futura offrendo così la possibilità di effettuare le scelte assicurative per accedere ad una forma integrativa pensionistica a misura delle nostre esigenze.

Ci sono varie forme da prendere in considerazione tramite contributi volontari fra cui i “Fondi pensione” che vengono stabiliti in seguito a contratti collettivi stipulati fra le parti sociali con forme di accantonamento che sono previste per legge. L’iscrizione a questo tipo di Fondo ha dei vantaggi fiscali come la deduzione dell’imponibile dei contributi volontari e la possibilità di scegliere una rendita pensionistica:  vitalizia con o senza reversibilità oppure rendita certa superiore a quella vitalizia per 5 o 10 anni e poi decrescente. Ogni anno il Fondo invierà ai propri iscritti il “progetto esemplificativo personalizzato” che spiega al lavoratore l’ammontare della rendita che deriva dalla somma che sta versando per dar modo all’interessato di modificare l’importo della propria contribuzione.

Un’altra opportunità per integrare la nostra pensione è costituito dai Pip (piani individuali pensionistici) anche questi con sottoscrizione volontaria che offrono la possibilità di decidere l’ammontare delle contribuzioni da versare nel corso degli anni. La rendita, che può essere sotto forma di vitalizioreversibilità oppure una combinazione delle due, verrà percepita al momento del pensionamento a condizione che siano trascorsi almeno 5 anni dall’adesione al Pip. I piani individuali pensionistici si distinguono in due principali categorie: leassicurazioni sulla vita oppure le polizze “unit linked” dove il rendimento dipende dal valore delle quote di uno o più fondi della stessa impresa di assicurazione che avremo scelto per stipulare tali contratti.

Il mercato assicurativo offre anche i “Fondi aperti” che sono forme pensionistiche istituite dalle banche , imprese di assicurazione, società di gestione del risparmio e società di intermediazione mobiliare che offrono tante opportunità di investimento ai fini della previdenza integrativa.

Per un aiuto concreto al fine di poter scegliere la forma previdenziale integrativa adatta alle nostre esigenze, sarà opportuno rivolgersi ad un “consulente previdenziale”, figura di alta professionalità iscritta ad un apposito registro degli intermediari finanziari consultabile presso la Banca d’Italia.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > I diversi strumenti finanziari per integrare la pensione