I giovani scelgono l’instant messaging

Più semplice e diretto delle chat e più immediato della posta elettronica, l’IM viene impiegato, per più di due ore al giorno, da circa i tre quarti dei giovani americani tra gli 11 e i 19 anni. Una scelta dettata anche dal fatto che è possibile condividere file multimediali come foto e filmati in tempo reale, rendendo l’instant messaging uno strumento di comunicazione giovane e personale. Ma la messaggeria immediata non è una funzionalità esclusiva di Internet. Con gli ultimi sviluppi della tecnologia per cellulari e smartphone, l’IM è oggi disponibile anche per i dispositivi mobili, rendendo l’esperienza ancora più interessente e ricca di prospettive per il futuro. Nonostante le tante novità offerte dalla tecnologia, il telefono resta però uno degli strumenti di comunicazione che vanno ancora per la maggiore. Secondo l’indagine del Pew Internet & American Life Project, infatti, la cara e vecchia cornetta rimane il mezzo preferito dai giovani nel caso di conversazioni lunghe e articolate. Anche qui potremmo però assistere presto ad una vera rivoluzione, grazie all’avvento delle telefonate via Internet (VoIP). Un nuovo trend che potrebbe prendere il largo sfruttando la grande passione che i ragazzi nutrono per Internet: a navigare sul Web sono oggi circa nove ragazzi su dieci, contro il 74% registrato nel 2000 e, secondo lo studio, gli unici a non essere connessi sono i giovani che non hanno accesso alla tecnologia per via della povertà.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > I giovani scelgono l’instant messaging