Il Backup Online salverà la memoria digitale

La mole di file prodotta ad oggi, 161 esabyte nel 2006 (un esabyte corrisponde ad un miliardo di gigabyte) sta aumentando in modo impressionante: tra fotografie, musica, video e documenti di lavoro si prevede che nel 2010 i dati generati saliranno a quota 998 esabyte (Università di Berkeley – CA).Negli USA si sta diffondendo a macchia d’olio il Backup Online: è un sistema che prevede l’archiviazione di qualsiasi tipo di dato su server remoto tramite connessione Internet sicura e ne consente l’accesso in qualsiasi momento e da qualsiasi pc con credenziali riservate.
In Italia questo strumento è conosciuto ancora da pochi e l’unico player a tener testa alle aziende d’oltre oceano è Memopal, una startup europea dal cuore italiano, che si è prefissata lo scopo di diffondere la cultura del Backup Online. Per questo, Memopal ha commissionato la creazione di una Mini-guida che possa far capire in poche pagine l’importanza di questo nuovo strumento a disposizione degli utenti e che li aiuti a scegliere il servizio più in linea con le loro esigenze.Memopal sta diffondendo la Mini-guida per sensibilizzare la Stampa e gli utenti su un tema, in cui anche l’Italia è protagonista, ma di cui non si parla abbastanza.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Il Backup Online salverà la memoria digitale