Il Futuro Non É Scritto – Joe Strummer

Figura chiave è stata quella del carismatico compositore e frontman Joe Strummer. Potendo indagare negli archivi personali di Strummer, cosa più unica che rara, il regista Julien Temple ha scavato in profondità nei miti che circondano Strummer, i Clash e il movimento punk in generale, collocandolo in un più ampio contesto culturale e sociale. “Il Futuro Non É Scritto – Joe Strummer” è basato sull’idea del programma radiofonico “London Calling”, ideato dello stesso Strummer, trasmesso a 40 milioni di ascoltatori della BBC World Service tra il 1998 e il 2002, e sui leggendari falò di Strummerville, “più importanti di qualsiasi musica che ho scritto”. Sono Joe e i suoi amici ad accompagnarci per tutto il film, insieme alla evocativa colonna sonora selezionata.

Temple, il primo a filmare il gruppo dei Clash nel 1976, poi amico stretto di Joe negli ultimi 10 anni della sua vita, mette in evidenza come la vita di Joe sia la chiave per capire cosa significhi vivere al giorno d’oggi. La musica di Joe ha attraversato molti generi: rock, folk, reggae, cumbia, bhangra, Cuban son, musiche da tutte le parti del mondo che lui stesso amava, onorava ed interrogava. Fu questa capacità di capire, filtrare e rispecchiare le diversità a rendere le sue canzoni davvero universali, benché personali. Anche Joe aveva le proprie salde opinioni, ma erano parte integrante di un groviglio di contraddizioni, che rendono difficile la comprensione dell’uomo. Nonostante la sua compostezza, la sua istintiva diffidenza nelle gerarchie sociali, le sue contraddizioni sono sempre state evidenti. Il film è animato e illustrato da vignette, disegni, quadri, appunti e artefatti realizzati di suo pugno e contenuti nella grande busta di plastica che portava sempre con sé. Per il regista dei famosi “Sex Pistols – oscenità e furore” e “Glastonbury”, è una drammatica e umana esplorazione dell’uomo dietro la leggenda, raccontando la storia della sua vita nella sua interezza – prima, durante e dopo il successo dei Clash.

Julien Temple ha dichiarato: “Per me Joe Strummer – a dispetto di come viene visto nell’ambiente del rock’n'roll – era un filosofo, ha riflettuto veramente sulla vita e i tempi che tutti noi abbiamo attraversato. Era concentrato sulla natura dell’essere umano, sul concetto di libertà… su molte cose che sono state cancellate dal nostro modo di vivere oggi”. “Mi diceva – conclude il regista -: Pensare è il motivo per cui svegliarsi la mattina”. “Il Futuro Non É Scritto – Joe Strummer” arriva al cinema venerdì 29 febbraio.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Il Futuro Non É Scritto – Joe Strummer