Il GSM compie 15 anni, ma non li dimostra

Al sistema va infatti dato il merito di aver mandato in pensione i vecchi apparecchi TACS, colpevoli di portarsi dietro una tecnologia analogica risalente agli anni ’80 e fortemente limitati dall’impossibilità di fornire servizi diversi dalla semplice fonia. Oltre a lanciare nuove forme di comunicazione, come gli sms, i fax e le email direttamente dal cellulare, il GSM si può anche vantare il merito di aver ridotto il fenomeno delle clonazioni, molto diffuso con le vecchie tecnologie. Importante è inoltre sottolineare come la rete TACS, acronimo di Total Access Communications System, era utilizzabile solo nel nostro paese, dato che in Europa, soprattutto nel Nord, era diffuso lo standard NMT, mentre negli Stati Uniti era in uso l’AMPS. Uno dei vantaggi principali del GSM rimane comunque la convenienza di prodotti e servizi resa possibile grazie all’elevata capacità della rete e alla diffusione dello standard stesso. Proprio quest’ultimo aspetto ha infatti permesso lo sviluppo di infrastrutture tecnologiche a prezzi decisamente concorrenziali. Va infine aggiunto che anche questo sistema, attualmente il più diffuso al mondo, ha subito negli anni una certa evoluzione. Pur rimanendo compatibile tra versioni vecchie e nuove, infatti, il GSM può oggi contare su sistemi di trasmissioni di dati ancora più performanti, come il GPRS e l’EDGE. In particolare, l’Enhanced Data rates for GSM Evolution permette l’accesso alle videochiamate e alle normali funzionalità di Internet, oltre all’uso dei protocolli FTP e del P2P.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Il GSM compie 15 anni, ma non li dimostra