Il lago Trasimeno ospita Living Lakes

Secondo le anticipazioni fornite degli organizzatori italiani, a raggiungere le sponde del lago Trasimeno saranno circa 200 delegati in rappresentanza dei laghi di Germania, Western Australia, Sud Africa, Guatemala, Regno Unito, Sri Lanka, Spagna, Turchia, Svizzera, Indonesia, Brasile, Ungheria, Filippine, Cina, Kenya, Estonia, Canada, Giappone, Russia, Perù, Bolivia, Messico, Israele, Giordania e Palestina.

Appartenente al Global Nature Fund, Living Lakes è un network nato per conservare gli ecosistemi delle zone umide più grandi o più significative di tutto il mondo e che al momento conta 52 laghi di ogni latitudine. Il primo lago italiano ad entrare nella rete è stato proprio il Trasimeno nel 2006. E sempre il lago umbro, nel giugno 2007, ha tenuto a battesimo la rete italiana di Living Lakes che al momento registra la partecipazione dei seguenti laghi: Lago di Garda, Lago Maggiore, Lago d’Orta, Lago di Bolsena, Lago di Vico, Lago di Piediluco, Bracciano, Castel Gandolfo e Nemi.

Per l’impegno dimostrato fin da subito all’interno dell’Associazione mondiale, il Trasimeno è stato “premiato” con l’assegnazione appunto della prossima Conferenza mondiale, che si svilupperà intorno al difficile tema “Paesaggi culturali – Collegamento del valore dei paesaggi culturali alla protezione dei laghi”. Saranno affrontati argomenti di vasta portata, quali sviluppo sostenibile, energie rinnovabili, agricoltura tradizionale e nuove tecnologie, salvaguardia degli ecosistemi lacustri, biodiversità, turismo e attività sportive negli ambienti lacustri.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Il lago Trasimeno ospita Living Lakes