Il premio Marconi ai Google’s men

Il “Marconi prize for innovation in information and communication tecnology” verrà consegnato a Sergey Brin e Larry Page direttamente dal nipote dello scienziato, durante la cerimonia che si svolgerà l’8 ottobre e che aprirà ufficialmente i battenti con il simposio "L’eredita’ di Marconi: le Telecomunicazioni Oggi e Domani”, fissato alle ore 9 del mattino. Una grande cerimonia alla quale interverranno i vincitori delle passate edizioni del premio e una vasta platea di scienziati provenienti da ogni parte del mondo. Per i fondatori del colosso americano si tratta di una onorificenza assai gradita e che arriva proprio in coincidenza della presentazione dei nuovi servizi di posta elettronica offerti da Google. Il “motore di ricerca” made in Usa ha infatti annunciato l’implementazione dei servizi di posta Gmail con dei nuovi accessori come il “GMail Notifier”, la “Ricerca contatti” e il “Forwarding automatico”. Il primo dei tre servizi consente agli utenti di installare sul desktop un apposito software che segnala l’arrivo di nuove email nell’account di posta, mentre la “Ricerca contatti” permette una gestione diretta della lista dei nomi nella rubrica, visualizzando i messaggi in relazione ai contatti nella lista. Per quanto riguarda il “Forwarding automatico”, il nuovo accessorio fa sì che, pur lasciando una copia del messaggio nella casella GMail, gli utenti possano reindirizzare tutti le email in arrivo ad un’altra casella di posta, che funge da principale. Google sembra quindi puntare forte sul nuovo servizio di posta GMail e nel futuro progetto “Google Print” (vendita dei libri on-line)
, intanto però c’è da ritirare il premio Marconi, del valore di 100mila dollari, che sara’ consegnato venerdì 8 ottobre nell’aula magna di Santa Lucia a Bologna.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Il premio Marconi ai Google’s men