Il Premio Serono a Ishiguro e Boncinelli

Se il saggio di Edoardo Boncinelli, dal titolo "L’anima della tecnica" (Rizzoli) indaga il rapporto tra l’uomo e la tecnologia nel corso dei secoli e la nuova rivoluzione delle "macchine invisibili", il romanzo "Non lasciarmi" (Einaudi) di Kazuo Ishiguro è invece un racconto basato sulla storia di Kathy, Tommy e Ruth, tre bambini che vivono in un collegio della campagna inglese e la cui vita è guidata da un destino agghiacciante.Temi e generi differenti, che però hanno saputo centrare gli obiettivi del Premio Letterario Serono, ovvero rendere accessibile anche ai meno esperti argomenti di grande attualità, ma spesso trattati in modo troppo specialistico. "L’obiettivo – sottolineano all’Accademia – è quello di consentire alla letteratura di confrontarsi con le nuove frontiere della ricerca scientifica e alla scienza di avere una circolazione più vasta rispetto agli attuali ambiti, provando a riaccostare tra loro due delle più importanti forme dell’espressione umana".

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Il Premio Serono a Ishiguro e Boncinelli