ILO: una giornata contro il lavoro minorile

Ma cos’è il lavoro minorile? Secondo l’International Labour Organization (ILO), si può definire lavoro minorile il lavoro che nuoce al benessere dei bambini ed ostacola la loro educazione, lo sviluppo ed il futuro. Quando i bambini devono lavorare per ore nei campi, infatti, la probabilità di andare a scuola ed aumentare le proprie abilità diminuiscono, mettendo così a rischio ogni possibilità futura di uscire dallo stato di povertà in cui versano. Le bambine, inoltre, risultano particolarmente svantaggiate. Non bisogna poi dimenticare che l’agricoltura è una delle tre occupazioni più pericolose, soprattutto per i bambini.Non tutti i lavori in agricoltura sono però da catalogarsi come pericolosi per i più piccoli, Secondo le direttive ILO, infatti, ci sono mansioni che possono essere svolte senza che queste pregiudichino il normale sviluppo del bambino, ma che anzi possono contribuire alla loro formazione una volta adulti. La "Giornata mondiale contro il lavoro minorile" 2007 vuole così sensibilizzare soprattutto verso quei lavori che mettono in pericolo la vita o un corretto sviluppo dei più piccoli. Contro il lavoro minorile, l’Ilo ha quindi voluto la collaborazione di cinque organizzazioni internazionali come FAO, IFAD, IFPRI, CGIAR, IFAP e IUF affinché l’azione possa essere ramificata ed agire così con più efficacia. L’obiettivo, secondo il direttore generale dell’ILO Juan Somavia, è quello di sconfiggere le forme peggiori di lavoro minorile entro il 2016.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > ILO: una giornata contro il lavoro minorile