In attesa dei Muse, ecco i Placebo

E’ infatti lo stesso Brian Molko ad evidenziare un’inversione di tendenza del sound e a ricondurre il cambiamento alla location dove la band ha registrato le 13 tracce del Cd. Gli studi Rak (nel sud della Francia) hanno infatti permesso ai Placebo di ritrovare la verve creativa di un tempo quando, sottolinea Molko, "la componente principale del sound era composta da chitarra, basso, batteria e un po’ di pianoforte". Le tracce di "Meds" esprimono quindi semplicità e profondità, senza troppi fronzoli. Con questo quinto album riemerge il talento di una band che, tra alti e bassi, sembrava essersi un po’ persa. Se i Placebo si rituffano nel passato, per i Muse c’è invece un presente importante da raccontare. Il cantante Matt Bellamy ha infatti annunciato che il nuovo album tratterà alcuni degli eventi che hanno caratterizzato la storia recente. I testi avranno contenuti politici e non mancheranno di far riflettere. Su tutte "A Soldier’s Poem", il brano che Bellamy ha presentato come il pensiero di un soldato in battaglia. Il disco uscirà a luglio e, a quanto sembra, non mancheranno le sorprese.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > In attesa dei Muse, ecco i Placebo