In Italia cresce l’impegno per l’ambiente

Nel 2006 aumenta infatti il numero medio dei giorni di superamento dei limiti previsti del PM10 (67,2 giorni, + 7,3% % rispetto al 2005), il tasso di motorizzazione (+0,7%) e il numero di motocicli per mille abitanti (+7,3%), ma anche la domanda di trasporto pubblico (+2,6%), la quantità di rifiuti urbani raccolti (+1,6%), la densità di verde urbano (+1,0%) e il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti (+7,1%). Nello stesso periodo si assiste ad una positiva contrazione del consumo di energia elettrica per uso domestico e di gas metano sia per uso domestico sia per riscaldamento (rispettivamente del 6,2% e del 4,8%); il consumo d’acqua per uso domestico resta pressoché stabile (+0,1%).

Riguardo al monitoraggio dei dati ambientali, l’indagine rivela che nel 2006 sono 97 i capoluoghi di provincia che dispongo di centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell’aria (nel 2005 erano 91). Aumentano anche, rispetto all’anno precedente, i comuni dotati di una zonizzazione acustica del territorio (+13,7%), di un piano del verde urbano (+19,0%), nonché quelli nei quali tutta la popolazione è servita dalla raccolta differenziata dei rifiuti (+6,1%). Rimane invece stabile il numero delle città munite di un un piano urbano del traffico (81) e di quelle che hanno adottato un piano energetico comunale (24).

Nel 2006 i comuni più rispettosi delle compatibilità ambientali sono stati in particolare Trento, Venezia e Modena grazie alla loro attenzione verso tutte le tematiche esaminate e in particolare alla maggiore cura del rumore (Trento e Modena) e dei trasporti (Venezia). Nella situazione opposta si trovano i comuni di Massa, Enna e Olbia, dove oltre all’alta raccolta di rifiuti urbani (Massa e Olbia) e alla bassa attenzione per il servizio di raccolta differenziata (Enna), vi è la mancanza di piani del traffico e di zonizzazioni acustiche.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > In Italia cresce l’impegno per l’ambiente