Influenza A: in Cina tutti cercano l’aglio

Secondo gli osservatori, quella che è in atto in Cina è dunque una vera e propria speculazione dei prezzi che sfrutta la diffusa paura del contagio dal virus dell’Influenza H1N1.Per quanto riguarda l’Italia, dove le proprietà dell’aglio sono note soprattutto per altri benefici, la Coldiretti sottolinea che i prezzi sono stabili. Proprio la Cina, spiega poi la Coldiretti, è insieme a Egitto e Turchia tra i principali Paesi da cui l’Italia importa aglio di provenienza estera.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Influenza A: in Cina tutti cercano l’aglio