Infradito: il trend ‘scomodo’ del 2005

Si passa infatti dal semplice scivolone, dovuto alla suola liscia, ai dolori provocati dalla pressione sui talloni e sulla volta plantare, sino alle vesciche causate dalle stringhe. Tutti problemi che, secondo i podologi britannici, nascono dal fatto che le ciabattine infradito sono spesso caratterizzate da suola piatta, laccetti e dall’assenza totale di tacco, senza dimenticare che le dita poco "protette" rimangono più facilmente esposte al rischio fratture. Sempre gli esperti della Society of Chiropodists and Podiatrists sconsigliano, inoltre, l’uso delle infradito mentre si è alla guida dell’auto, in quanto poco sicure per la conformazione e per la tipologia dell’allacciatura. Mike O’Neil, podologo al Princess Margaret Hospital di Windsor, conferma i timori dell’associazione britannica sottolineando come si sia registrato un amento dei casi di persone con problemi ai piedi. In particolar modo, sottolinea il medico, di casi riguardanti "problemi al tallone e di appiattimento della volta plantare". Per mantenere la salute dei nostri piedi, O’Neil consiglia l’uso di "sandali sportivi con un buon supporto per il piede". Spesso, infatti, il protrarsi nel tempo di piccoli problemi ai piedi rischia di dar vita a fastidiosissime infiammazioni croniche.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Infradito: il trend ‘scomodo’ del 2005