Insonnia: nascono linee guida

A stilare le prime linee guida italiane sul problema insonnia sono l’Associazione Italiana di Medicina del Sonno (Aims) e 700 medici di famiglia. Venti centri di medicina del sonno e 52 dottori appartenenti all’Aims, insieme ai medici di famiglia, hanno preparato un documento sul tema insonnia, presentato a Milano in occasione della quinta “Giornata del dormiresano”, in programma lunedì 21 marzo 2005. In Italia il problema delle “notti in bianco” riguarda circa 12 milioni di persone, delle quali circa la metà non ha mai ricevuto la diagnosi da parte di uno specialista. Solo il 16,2% degli insonni viene infatti curato, mentre il 40,5% rifiuta le terapie ed il 7,3% ricorre a rimedi casalinghi, affidandosi a prodotti naturali e ai poco scientifici “rimedi della nonna”. Manrico Guerra, segretario della Società Italiana di Medicina Generale (Simg) per la provincia di Parma, ha spiegato l’importanza del medico di famiglia come primo approccio alla soluzione medica del problema, dicendo: “è il primo al quale bisogna parlare del problema e il più indicato a indirizzare il paziente alle strutture giuste”. I professori Gianfranco Parati e Alessandro Rossi hanno poi sottolineato come la “malattia insonnia” sia strettamente legata anche al lavoro di cardiologi e psichiatri, date le relazioni che intercorrono tra questa malattia del sonno e alcune funzioni dell’organismo. Per approfondire questo tema e per elaborare le delicate cure anti-insonnia per i soggetti con disturbi di salute mentale, sempre l’Aims sta preparando un incontro che porterà alla creazione delle prime linee guida per la gestione dell’insonnia nelle malattie psichiatriche, un documento previsto per il 2006.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Insonnia: nascono linee guida