Internet a tutta velocità

Quando Al Gore nel 1998, durante la sua corsa alla Casa Bianca, prometteva un futuro ultraveloce per la rete, in pochi avrebbero creduto che ciò si sarebbe verificato in così poco tempo. Grazie alla collaborazione delle più grandi industrie in campo informatico e a circa 206 poli universitari, attraverso lo sviluppo del protocollo IPv4, si stanno raggiungendo velocità impensabili sino a pochi anni fa. Per il progetto iniziato nel 1996 e che prosegue senza sosta, seppur con alterne fortune, sembra arrivato il momento di un’applicazione su più ampia scala. Ad inizio anno, il backbone è stato aggiornato a 10 gbps e tutto ciò appare come una conferma alla notizia che Internet2 possa a breve brillare di luce propria. Per quanto riguarda i programmi futuri, Internet2 sarà connessa ma indipendente rispetto a Internet1 (l’attuale), con strutture e servizi diversi, dovuti alle innumerevoli possibilità che la nuova rete metterà a disposizione. Tuttora le due reti sono comunque unite, ma il circuito della Internet2 rimane nel campo sperimentale. Per il momento ed in virtù delle partecipazioni universitarie, Internet2 sembra trovare la sua giusta collocazione nel campo delle videoconferenze e degli insegnamenti a distanza, ma è previsto per l’immediato futuro l’impiego nella telemedicina e nell’astronomia. Per gli utenti “casalinghi” non resta che sognare un futuro all’insegna della velocità e della stabilità, un futuro prossimo, ma non vicinissimo, dato che per ora l’impiego è previsto negli istituti di ricerca e nel campo dell’educazione.
Flavio S.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Internet a tutta velocità