Internet in Italia: bene siti video e Web 2.0

La cifra sale a 20,7 milioni se si considerano anche applicazioni come l’instant messenger o i programmi per scaricare musica e film. La frequenza di navigazione diventa quasi giornaliera, pari a 29 sessioni nel mese, mentre il tempo trascorso online cresce di 1 ora e 20 minuti rispetto allo scorso febbraio e arriva a 18 ore e 25 minuti. L’incremento, da marzo 2006, e di quasi 4 ore. Ad influire sul maggiore utilizzo di Internet è la penetrazione della banda larga sempre più diffusa. Sono infatti stati ben 14 milioni i navigatori che si sono collegati dalle loro abitazioni con connessioni veloci, con tempi online di 29 ore al mese per il navigatore broadband contro le 14 ore di chi è dotato del vecchio modem 56k.Passando al fenomeno video, questo si mescola con il Web 2.0, segnando un boom per servizi come YouTube, i canali video di Libero, Alice, Google e le Web TV, ma anche dei motori di ricerca "umani" come Wikipedia (6,6 milioni di utenti) e Yahoo! Answers (2,2 milioni) e dei siti dove costruirsi una vita virtuale come Second Life. Cresce anche l’utilizzo delle applicazioni Internet (14,8 milioni a marzo, +12% rispetto al 2006), dagli instant messenger (7,2 milioni di utenti solo per MSN Messenger, +48% nell’ultimo anno) al peer-to-peer e al "for free". eMule ha avuto 6,4 milioni di utenti a marzo (+49% rispetto a un anno fa), Skype 2,5 milioni (+54% nell’ultimo anno) e iTunes 2,1 milioni (+94% rispetto a marzo 2006).

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Internet in Italia: bene siti video e Web 2.0