Investimenti e mercato dei cambi: come scegliere il broker finanziario?

forex

Per speculare sulle valute nel trading online è necessario scegliere un intermediario presso il quale aprire il proprio conto di investimento, ma è ancor più fondamentale che esso appartenga al gruppo dei broker forex regolamentati. Pensala così: affideresti mai 250,00 euro tuoi ad una persona incontrata per strada che ti promette di conservarli senza darti garanzie ufficiali? Credo proprio di no. Nel trading le frodi ci sono, per fortuna ormai non sono più così frequenti, ma devi stare attento a scegliere la legalità, prima di tutto.

Perché alcuni investitori vengono truffati?

Se ho ritenuto necessario scrivere questa piccola guida di approfondimento, e come me tanti altri, è perché sono state rilevate, nel corso del tempo, una lunga serie di truffe ai danni degli investitori. Le relative indagini hanno portato alla luce che all’origine delle suddette truffe c’erano broker non regolamentati, che avevano attratto i propri clienti tramite offerte super convenienti, rivelatesi poi inconsistenti. Il più alto rischio di operare con simili società è che, se esse falliscono, i tuoi soldi spariranno con loro.

Il risvolto importante è stata una presa di posizione da parte dei vari Stati dalla quale è nata l’iniziativa di uniformare e regolamentare i mercati. Oggi, fortunatamente, un investitore ha possibilità di scegliere e l’unica truffa possibile è fare la scelta sbagliata, assumendosene la piena responsabilità.

Le regolamentazioni a cui accennavo prevedono anche l’obbligo alla trasparenza informativa, ciò significa che potrai visionare sul sito dell’intermediario tutte le licenze e le autorizzazioni possedute.

Broker forex: cos’è la CySEC e cosa fa?

A questo punto sono certo che già avrai aperto il sito di più intermediari per vedere le varie regolamentazione, e avrai notato un nome ricorrente: CySEC. Si tratta dell’autorità di vigilanza di Cipro, Paese in cui moltissimi broker scelgono di spostare la propria sede legale per una questione di convenienza sulle tasse alle imprese.

CySEC riceve le richieste dei broker, ne valuta le attività in base alle direttive europee e lì dove riscontra idoneità rilascia una licenza. A livello teorico, gli obblighi di vigilanza che segue CySEC potrebbero leggermente differenziarsi da quelli previsti in altri Stati. Per questo motivo, in ambito italiano, i migliori broker, oltre alla licenza CySEC, possiedono anche l’autorizzazione della CONSOB che è la Commissione Nazionale per la Società e la Borsa italiana.

Insieme, queste due istituzioni si occupano di garantire il corretto svolgimento delle contrattazioni, tutelando gli investitori da qualsiasi forma di truffa ed intervenendo giuridicamente lì dove vengano riscontrate accertate anomalie.

 

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Investimenti e mercato dei cambi: come scegliere il broker finanziario?