Iss fotografa il ‘pianeta giovani’

I dati raccolti in 300 scuole, per oltre 30.000 studenti tra i 14 e i 19 anni, si riferiscono all’anno scolastico 2002/2003. I primi dati riguardano gli affetti, con la famiglia al primo posto, seguita dall’amicizia e dall’amore. Una scala che, con la crescita, tende verso l’amore sia per i maschi che per le femmine, a scapito degli amici per le ragazze e della famiglia per i ragazzi. Per quanto riguarda le ambizioni ed il lavoro, i giovani italiani preferiscono un impiego stabile, il 57% dei ragazzi e il 66% delle ragazze rinuncerebbe ad una carriera avventurosa, in favore di un impiego stabile. Ai soggetti del sondaggio è stato poi chiesto di ordinare per importanza valori come la cultura, il tempo libero, l’impegno sociale e la fede. Circa il 50% dei giovani ha risposto di preferire il tempo libero e lo svago come spazio ideale dove realizzare la propria dimensione, mentre il 30%, con la maggioranza femminile, mette al primo posto la cultura. Anche in questo caso, la crescita assesta i valori giovanili su ideali diversi, cultura e impegno sociale infatti, conquistano spazio sul tempo libero. Se generosità e simpatia sono le qualità più apprezzate nelle altre persone, la cura del proprio corpo è uno degli aspetti più rilevanti, con oltre il 70% dei giovani che dichiara di fare attività fisica due o tre volte a settimana. Per le ragazze poi, la linea perfetta è un obiettivo irrinunciabile, il 60% delle intervistate dichiara di prestare particolare attenzione alle calorie contenute nei cibi. Nel tempo libero prevalgono la televisione (63%) e la radio (58%), mentre fuori casa, sono le sale cinematografiche e gli impianti sportivi ad attrarre maggiormente l’attenzione dei giovani tra 14 e 19 anni. Crescendo, i ragazzi cambiano poi i loro interessi e le loro abitudini, discoteca, mostre, teatro e concerti divengono quasi irrinunciabili. Arrivano ora le note dolenti che riguardano alcol, sigarette e, in un certo modo, anche i cellulari. Il 67% dei giovani intervistati fa uso infatti di bevande alcoliche, su tutte la birra, pur essendo consapevoli dei rischi. Le ragazze che fumano sono di più dei ragazzi, ma con un numero inferiore di sigarette al giorno: il 45% di loro fuma fino a 5 sigarette, mentre il 34% dei maschi oltre 10 sigarette al giorno. Con l’età però i fumatori aumentano: a 14 anni sono il 13% dei maschi e il 16% delle femmine poi, intorno ai 19 anni, si giunge al 49% dei maschi e al 51% delle femmine. Per quanto riguarda i telefoni cellulari, quasi tutti ne hanno uno, lo usano infatti il 95% dei ragazzi e il 98% delle ragazze e circa il 30% del campione invia più di 15 SMS al giorno. La sicurezza stradale è uno dei temi trattati nel rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità. Circa il 60% dei ragazzi ritiene “una buona cosa” l’introduzione del patentino per i ciclomotori, ma la verità sta nei fatti. Se fuori dai centri urbani il casco è ritenuto importante, in città sono invece le ragazze ad avere più giudizio. E’ poca la differenza tra Nord e Centro (82.2 e 80.4), mentre al Sud il casco viene indossato solo dal 42.9% delle intervistate. Scoraggiante la percentuale che riguarda i maschi, soprattutto al sud, dove solo il 35.1% fa uso del casco. Per le cinture di sicurezza i dati non migliorano, è solo il 46% del campione ad indossarle. Tra luci ed ombre, sono questi i dati pubblicati dall’Iss nel Rapporto preliminare sui comportamenti sociali e gli stili di vita dei giovani, numeri che devono far riflettere, ma che aiutano a comprendere il mondo dei giovani d’oggi.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Iss fotografa il ‘pianeta giovani’