Italia: fa più caldo e piove di meno

La crescita della temperatura media è infatti dell’ordine di 1.7°C nell’arco degli ultimi due secoli, con i soli ultimi 50 anni a segnare un aumento di circa 1.4 °C. Lo studio, pubblicato sulla rivista International Journal of Climatology, è stato condotto da Teresa Nanni e Michele Brunetti, ricercatori dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (Isac) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Bologna, in collaborazione con Maurizio Maugeri dell’Università di Milano. Tra le curiosità, emerge che l’anno più caldo è stato il 2003 (l’estate 2003 è stata di oltre 4 gradi superiore alla media del periodo 1961-1990), mentre l’anno più freddo è stato il 1816 (noto come "l’anno senza estate"). Secondo Teresa Nanni si è osservato un aumento più forte delle temperature minime giornaliere rispetto alle massime, anche se "negli ultimi 50 anni la situazione si è capovolta, con le temperature massime che crescono più delle minime". Le precipitazioni registrano un leggero calo nella quantità totale annua, dell’ordine del 5% ogni cento anni, e ciò risulta più evidente nell’Italia peninsulare. Tra gli altri dati ottenuti dai ricercatori, spicca come gli ultimi 50 anni siano stati caratterizzati da un aumento della pressione al livello del mare e una diminuzione della copertura nuvolosa, in accordo con quanto registrato per le temperature e per l’escursione.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Italia: fa più caldo e piove di meno