Italia: politica e aziende su Second Life

Prima tra tutte quella voluta dal ministero degli Affari Esteri, che ha aperto, seppur in via sperimentale, un Istituto Italiano di Cultura proprio all’interno di Second Life. Dotato di spazi espositivi flessibili e a costi di allestimento estremamente contenuti, l’Istituto rappresenta il primo centro di promozione culturale nazionale che vede la luce su SL, nel cuore di una complessa realtà culturale internazionale in costante cambiamento. La piattaforma, dove è già in allestimento la mostra di giovani artisti visivi "On the Edge of Vision", si propone di dare nuovo slancio alla promozione della creatività italiana soprattutto nei settori dell’arte contemporanea, del design, dell’architettura e del patrimonio culturale. A cercare spazio sul popolarissimo mondo virtuale non è però solo la politica italiana, ma anche una delle realtà aziendali più importanti nel panorama immobiliare del Belpaese. Gabetti Property Solutions ha infatti lanciato un progetto interamente dedicato a Second Life che mette in campo un team di professionisti che agiscono su SL tramite avatar. L’obiettivo è naturalmente quello di interagire con la comunità sperimentando nuove forme di relazioni commerciali, in ambito immobiliare, da poter poi applicare nella vita reale, sfruttando le potenzialità di una community qualificata come quella di Second Life. Sarà quindi possibile trovare Luciana Gabetti, Carmen Gabetti, Licia Gabetti, Vincenzo Gabetti e Francesco Gabetti, sulla Gabetti Island che è pronta ad accogliere i visitatori per mostrare soluzioni immobiliari realmente innovative.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Italia: politica e aziende su Second Life