Jeep Wrangler, l’evoluzione della specie

Disponibile nelle quattro versioni Sport, Sport Plus, Sahara e Rubicon, l’ultimo nato della Casa americana si colloca al vertice della categoria per prestazioni off-road. Un carattere da fuoristrada puro, che si esalta negli assali rigidi, nelle portiere rimovibili, nelle cerniere a vista, nel parabrezza ribaltabile e nelle innovative capote smontabili e ripiegabili.

Nuove combinazioni di capote, portiere e parabrezza, nove originali tonalità di colore per la carrozzeria e cerchi da 16, 17 e 18 pollici consentono inoltre una maggiore possibilità di personalizzazione. E per la prima volta nella storia Jeep, la gamma Wrangler è disponibile con la nuova brillante motorizzazione turbodiesel common-rail da 2,8 litri.

Si tratta di un propulsore con doppio albero a camme in testa e quattro valvole per cilindro capace di erogare 177 CV di potenza e di garantire alla vettura ottimi valori di potenza, coppia, accelerazione e velocità massima, garantendo al tempo stesso consumi contenuti. Il nuovo 2.8 CRD può essere abbinato ad un cambio manuale a sei marce o al cambio automatico a cinque rapporti e può essere equipaggiato a richiesta con filtro antiparticolato. Per chi desidera qualche cavallo in più, la scelta può invece ricadere sul nuovo propulsore benzina V6 da 3,8 litri. Quest’ultimo sviluppa 199 CV di potenza, 315 Nm di coppia massima ed è abbinato alla trasmissione automatica a quattro velocità.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Jeep Wrangler, l’evoluzione della specie