Jugo ludens

va tutto bene, ma il capodanno è passato da un paio di mesi. Un poco di pazienza, lasciateci spiegare. Almeno stavolta non ci siamo bevuti nulla (neppure il cervello). Semplicemente, abbiamo scoperto che prima della riforma di Numa Pompilio il calendario era composto di soli dieci mesi. L’anno cominciava a marzo e terminava a dicembre. Secondo Macrobio, sei mesi, aprile, giugno, sestile, settembre, novembre e dicembre, erano di 30 giorni. Gli altri quattro, marzo, maggio, quintile e ottobre, contavan 31 dì. Totale 304 giorni. Fu Giulio Cesare, nel 46 d.C., con la collaborazione dell’astronomo Soligene
d’Alessandria, ad estendere l’anno solare a 365 giorni e 6 ore e a farlo cominciare
l’1 gennaio. Interessante, penserete voi, ma chissenefrega? E va bene. Ammettiamo le nostre colpe e chiediamo rispettosamente venia. O meglio, facciamo
“outing” che fa più trendy. C’è niente di meglio di una citazione colta quando, in clamoroso deficit ispirazionale, bisogna scrivere rapidamente qualcosa? Quando, ahinoi, ci siamo resi conto che il mese stava finendo ed ancora non ci era venuto in mente un bel nulla per
l’editoriale di marzo, ci è tornato alla mente un bell’articolo del compianto Alfredo Cattabiani dedicato al calendario romano. Certo, abbiamo pensato tra noi e noi, sarebbe bello riportare un
po’ indietro le lancette ed avere qualche tempo da dedicare a quel che più ci piace. Così, presi dalla notizia che un tempo
l’anno cominciava a marzo ci siamo lasciati trasportare dall’idea, un po’ ludica e un
po’ pagana, di festeggiare da oggi un nuovo inizio e nel contempo di guadagnare qualche giorno per le nostre faccende quotidiane. Un gioco innocente o i segni di un imminente declino mentale? Chi può dirlo? Quel che importa è che virtualmente, più giovani di due mesi, ci siamo rimessi al lavoro con rinnovato vigore, pronti ad affrontare con il consueto entusiasmo anche questo nuovo mese. O nuovo anno, fate vobis…

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Jugo ludens