La Bibbia. Codici e misteri in rete

Se ritenete che il tema possa intrigarvi, la rete può dimostrarsi uno strumento prezioso di informazioni al riguardo. Collegandovi, ad esempio, al sito
thebiblecodes, troverete la descrizione della straordinaria scoperta di un gruppo di matematici che, usando sofisticate tecniche computerizzate, ha rintracciato un codice nel libro del Genesi. Verifiche successive hanno dimostrato che il Codice si trova anche negli altri quattro libri della Torah, la Bibbia originaria del popolo ebraico.
Applicando questo misterioso codice, la Bibbia rivelerebbe eventi avvenuti migliaia di anni dalla sua stesura: la seconda guerra mondiale, l’atterraggio sulla luna, l’attentato di Rabin fino ai risultati delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti.
La ricerca su questo codice è stata condotta da un gruppo di matematici, Doron Witztum, Eliyahu Rips e Yoav Rosenberg, che hanno pubblicato la loro scoperta sulla rivista scientifica Statistical Science (1994, vol.9, n.3, 429-438) col titolo
“Equidistant Letter Sequences in the Book of
Genesis”. Non tutti gli studiosi sono, però, concordi sulle teorie di Rips e soci. Una voce decisamente critica sul tema è quella di
Harold
Gans, l’ex crittologo del Dipartimento della Difesa americano, che ha pubblicato una dichiarazione in merito al Codice della Bibbia di cui riportiamo un piccolo stralcio, tradotto dal
“Dizionario dello
Scettico”: “…si sostiene che i codici della Torah siano utilizzabili per predire il futuro. Ciò è assolutamente infondato. Non vi è alcuna base scientifica o matematica a sostegno di una simile affermazione, e il ragionamento seguito per giungere a una conclusione del genere nel libro è chiaramente in errore. Se è vero che certi eventi storici sono stati dimostrabilmente codificati nella Genesi in vari schemi, non è invece assolutamente vero che ogni configurazione del genere di parole “codificate” rappresenti necessariamente un potenziale fatto storico. Di fatto è vero esattamente l’opposto: la maggior parte di tali configurazioni saranno piuttosto casuali e si incontreranno in qualunque testo di sufficiente lunghezza… Ogni scienziato che si rispetti sa che le evidenze aneddotiche non sono mai prova di niente”. Codice o non codice ce n’è abbastanza di che nutrire la propria mente inquieta per qualche settimana.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > La Bibbia. Codici e misteri in rete