La LAV in piazza per le galline ovaiole

Tale data è stata già stabilita da una Direttiva UE approvata nel 1999, ma ora l’industria avicola tenta di opporsi o di posticipare il bando europeo ottenuto attraverso una campagna storica della Lega. Non tutti sanno, infatti, che oltre 400 milioni di galline ovaiole in Europa vivono, a causa un sistema di allevamento intensivo, rinchiuse in gabbie di batteria grandi meno di un foglio A4, senza alcuna possibilità di muoversi.Per quanto riguarda la manifestazione di sabato 8 e domenica 9 marzo, oltre alla petizione, la LAV propone una Guida-pratica sul sistema di etichettatura delle uova (che spiega i differenti sistemi di allevamento delle galline e di etichettatura delle uova) e l’uovo di cioccolato della LAV (con una donazione minima di 10 euro) realizzato con ingredienti e sorprese equo e solidali.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > La LAV in piazza per le galline ovaiole