La Mini compie cinquant’anni

Interni spaziosi e dimensioni esterne ridotte, spazio per quattro occupanti, qualità di guida impeccabili, bassi consumi di benzina e un prezzo conveniente: questi erano i criteri che il creatore della Mini, l’ingegnere Alec Issigonis, aveva soddisfatto. Le idee brillanti che realizzò nel disegno della piccola berlinetta due porte erano adatte per costruire più di un solo modello e perfettamente applicabili a diverse varianti. Così, già nel primo anno di produzione della Mini classica nacquero i modelli Mini Van e Mini Estate. Innumerevoli sono poi state le varianti della vettura.

Dal rilancio della marca nel 2001, con il debutto della nuova Mini, la filosofia è rimasta la stessa sia per la Mini che per la Mini Clubman. Già nelle prime brochure di vendita della Morris Mini-Minor veniva, infatti, sottolineato il carattere fortemente futuristico della compatta. Piccola e adatta alle tasche di tutti, allora costava appena 496 sterline, la vettura ha mantenuto le stesse dimensioni compatte trasformandosi però da auto economica a vero e proprio status symbol. L’economicità è stata in parte sostituita dal concetto di efficienza e plus, un adeguamento dettato dai tempi e dalla vanità di un marchio che non passerà mai di moda.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > La Mini compie cinquant’anni