La Nasa dedica un satellite a Enrico Fermi

Il satellite, dopo aver superato i consueti controlli orbitali, ha appena cominciato la sua missione di esplorazione dell’universo sfruttando radiazioni altamente energetiche ed invisibili ai nostri occhi: i raggi gamma. Lanciato l’11 giugno scorso da Cape Canaveral, GLAST/ Fermi sarà utilizzato per scoprire nuove "pulsars" nella nostra galassia e molti oggetti extragalattici (blazar e radio galassie), rilevando i processi di energia propri di quei sistemi.

La scelta di dedicare questo importante satellite al "nostro" Enrico Fermi è, per il commissario dell’Agenzia Spaziale Italiana Enrico Saggese, "il riconoscimento dell’eccellenza scientifica italiana in particolare nel settore della fisica delle alte energie, un campo fondamentale per comprendere le leggi che regolano l’universo".

GLAST/Fermi è stato realizzato dalla NASA con un contributo italiano di assoluto rilievo, coordinato e finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) in collaborazione con INFN e INAF. Le PMI G&A Engineering, Mipot, Plyform e Centrotecnica, con alcune facility Thales Alenia Space, e la comunità scientifica nazionale, INAF ed INFN in primis, grazie all’esperienza acquisita negli anni passati e culminata con la messa in orbita il 23 aprile 2007 del satellite tutto italiano AGILE, hanno infatti costruito il cuore dello strumento principale a bordo del satellite.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > La Nasa dedica un satellite a Enrico Fermi