La percora nera, di e con Ascanio Celestini

"Il manicomio è un condominio di santi. So’ santi i poveri matti asini sotto le lenzuola cinesi, sudari di fabbricazione industriale, santa la suora che accanto alla lucetta sul comodino suo si illumina come un ex-voto. E il dottore è il più santo di tutti, è il capo dei santi, è Gesucristo".Così ci racconta Nicola i suoi 35 anni di "manicomio elettrico", e nella sua testa scompaginata realtà e fantasia si scontrano producendo imprevedibili illuminazioni. Nicola è nato negli anni Sessanta, "i favolosi anni Sessanta", e il mondo che lui vede dentro l’istituto non è poi così diverso da quello che sta correndo là fuori: un mondo sempre più vorace, dove l’unica cosa che sembra non potersi consumare è la paura.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > La percora nera, di e con Ascanio Celestini